1/5
I ragazzi che si amano non ci sono per nessuno
Loro sono altrove ben più lontano della notte
Ben più in alto del sole 
Nell'abbagliante splendore del loro primo amore
La-ragazza-che-sognava-l'Africa-Fronte.j
La ragazza che sognava l'Africa
di Stefania Chiappalupi

A una settimana dalle nozze la vita di Margherita, promettente avvocato di Roma, è sconvolta dall'improvvisa morte del fidanzato in un incidente stradale. La donna non riesce ad andare avanti e decide di lasciare tutto per partire come volontaria in Uganda, realizzando il sogno di sempre. Durante un’escursione a Kampala incontra Giorgio, giovane dottore di Medici Senza Frontiere, che le fa scoprire l’Africa. Margherita si innamora di questa terra e vorrebbe farla diventare la sua casa, ma una notizia inaspettata riavvolge il nastro della vita e rischia di allontanarla dal posto che custodisce nel cuore.
Copertina.Sento che mi pensi anche tu.jp
Sento che mi pensi anche tu
di Elisa Terenzani
Martina è una ragazza di provincia, simpatica e un po’ insicura. Dopo una delusione causata da un ragazzo in cui ha riposto troppe speranze, inizia il suo percorso di cambiamento.
Durante una vacanza al mare, Martina incontra Filippo, musicista di un gruppo rock, e con lui avvia uno scambio epistolare accompagnato da una serie di “appuntamenti con la mente”. I due si sono visti di persona solo una volta, con un incontro fugace. La relazione inconsueta tra Martina e Filippo è la più vera che la ragazza abbia mai avuto, ma l’uomo di cui si sta innamorando nasconde un grande segreto, qualcosa che non ha avuto il coraggio di raccontarle nelle lettere e che non potrà nascondere quando si rincontreranno di persona.
Amabile-inferno-Fronte.jpg
Amabile inferno
di Eleonora Fasolino
Roma. Anno del Signore Esamidimaturità. Melania Santacroce ha diciotto anni, un gusto eccentrico in fatto di vestiti e i capelli tinti di viola. Afferma di portare una terza scarsa di seno più per ottimismo che per amore della realtà e, quando non si allontana dal mondo per comporre poesie distratte, si interroga sull’efficacia delle taglie dei jeans, su Lord Byron e sulla dubbia puntualità dei mezzi di trasporto capitolini. Sebbene alta e non proprio esile, a volte teme di risultare impercettibile, ma a salvarla dalla banalità del quotidiano sono le perle di cinismo che di tanto in tanto ama elargire con nonchalance. Non è proprio sicura di credere in Dio, ma frequenta una scuola privata di stampo cattolico. Non ama tradurre il greco, ma si accinge ad affrontare l’ultimo anno di liceo classico. Non si è mai innamorata, ma alla fine è arrivato Manfredi Vergara: suo professore e uomo impegnato in una relazione complicata con Dio. Perché Manfredi è un prete. E Melania, che non ha mai assaporato la tentazione, si trasformerà in quella più pericolosa per un uomo che non appartiene nemmeno a se stesso. O forse nel suo amabile inferno.
L'ultima-luna-Fronte.jpg
L'ultima luna
di Patrizia Poli
Africa, primi anni Ottanta. Mary Connelly condivide lo stesso pazzo amore per la savana di suo padre Jeff, ricco industriale inglese trasferitosi in Kenya. Sua madre, l’angloindiana Violet, non si è mai sentita legata alla figlia. Sogna l’Inghilterra e non si rassegna a quella vita. Riesce almeno a vincere su un punto: la famiglia ha bisogno della medicina inglese. Così, a Casa Connelly arriva il dottor Morgan Lawson, giovane, inquieto, subito catturato dall’atmosfera esotica, dal fascino di una terra che non è come la si vede in cartolina ma, quando ti afferra, non ti lascia più. Mary è infastidita, non ama ciò che è inglese, non vuole estranei in casa sua. Entrambi alla ricerca di se stessi e del senso della vita, si scrutano, si girano intorno guardinghi, si cercano pur senza ammetterlo. Del resto, quando la scintilla scocca, non c’è nulla da fare.
Una-giornata-storta-Fronte.jpg
Una giornata storta
di Eleonora Ippolito
La trentenne Michela tende a intimorire il prossimo con il suo look dark, il carattere deciso e la tendenza a dire sempre quello che pensa, ma il suo modo di fare è un meccanismo di difesa. Da anni si porta dietro un segreto che le crea disagio e, qualche volta, la fa sprofondare nell’ansia. Preferirebbe farsi tagliare la lingua piuttosto che ammetterlo, ma il senso di abbandono la accompagna da fin troppo tempo, ormai. Sotto il suo essere scontrosa e aggressiva, pronta ad azzannare chiunque intralci il suo cammino, si nasconde una fragilità che non è disposta a riconoscere. Intraprenderà, però, un percorso di rinascita e accettazione grazie a una giornata storta. Ma sì, avete capito di che genere? Una di quelle dove nulla va come dovrebbe, dove si affrontano bufere senza ombrello e dove ci si scontra con le persone sbagliate. Ma poi, sono davvero sbagliate? E, se sono sbagliate, come mai Luca la attrae così tanto? Coinquilini fuori dal comune, uomini impossibili da comprendere, apparenze che crollano, scontri e riappacificazioni: ecco gli ingredienti di questa commedia romantica, ironica e frizzante.
La nuda anarchia dell'anima.webp
La nuda anarchia dell'anima
di Andrea Gruccia

Per Andrea, il piacere ha le forme di sua cugina Rebecca. Lei è forte, volitiva e sembra non farsi spaventare da nessuno. Entrambi trovano nell'altro l'incastro perfetto per colmare due solitudini differenti, una segnata dal bullismo, l'altra dall'analfabetismo emotivo. Nella cornice bucolica delle campagne piemontesi, all'ombra di vecchi alberi e segreti di famiglia, la passione dei due ragazzi scivolerà lenta nei meandri nell'anima, andando a scoprire vecchie ferite e nuovi sentimenti per un viaggio ai limiti della percezione, tra la realtà sempre più sottile e il sogno di un'emozione generatrice di vita.
Carne-e-ossa-Fronte-1.jpg
Carne e ossa
di Lisa Emme

Maria è una giovane e seducente trentenne, sicura della propria femminilità, piacevolmente succube di un erotismo diverso, affascinante, a lei sconosciuto. La sua ormai profonda esperienza non può che superare i limiti del proibito, di quel che fino a un attimo prima era lecito e inviolabile. Una nuova, eccitante sfida le si presenta dinanzi: un uomo, non uno qualsiasi, bensì un vip famoso e dedito allo spettacolo, uno di quelli paparazzati senza tregua, uno dei cosiddetti "irraggiungibili". Inizialmente solo un sogno erotico a occhi aperti, diviene nel tempo sempre più umano e percepibile. Un provocare, quello di Maria, sottile ma eccitante e profondo, quanto basta a svelare la natura umana di una pseudo divinità fatta di carne e ossa, con tutte le sue debolezze e perversioni terrene. In una narrazione immersa nel quotidiano, una vicenda impossibile, che può essere una metafora del nostro rapporto con la vita ai tempi della crisi economica e morale.
L'alchimia-dei-sensi-Fronte.jpg
L'alchimia dei sensi
di autori vari

Estirpare il velo di volgarità dalle cose e lasciar respirare sinuoso Eros è una dote preziosa di coloro che, nella loro viva carne, sanno che la scrittura può riportare su un corpo, poco conosciuto nella sua essenza, un raggio di luce calda capace di destare i sensi sopiti del desiderio. Messaggero del sé attraverso la rivelazione fenomenica di una corporeità inquieta, l’erotismo, sommerso dai detriti della trivialità, viene invitato all’emersione in superficie, alla fioritura di nuovi natali. Destato con fascino subliminale, sensuale, l’Eros si avvia quindi a dispiegare la sua forza nei centri energetici del corpo, i quali, sotto l’impulso dell’ispirazione, si aprono lenti e dolci, come ninfee dischiuse, come chakra addormentati che, pulsando energia, generano setoso filo bianco, piacere morbido come petali di loto in danza, gocce di rugiada perlata. Non è un caso che nella narrativa esista il genere erotico e non è altrettanto un caso che, del genere di cui trattasi, vi siano maestri e maestre. In questa raccolta troverete 10 giovani autori che si cimentano con racconti diversi, ma tutti con l’intento di penetrare l’interiorità erotica del lettore.
Copertina.Il basilico raccolto all'alba.jpg
Il basilico raccolto all'alba
di Eugènie Gènin

Quando incontra il Professore per la prima volta, Doria ha sedici anni e la sua vita è intrappolata tra le mura della pensione del padre. Lui ha molti più anni e porta con sé un bagaglio dentro al quale conoscenza e mistero si alternano con intrigante complicità. Quando l'anno successivo l'uomo fa ritorno in Liguria, la natura prende il sopravvento e la loro storia prende forma. L'uomo è sposato e Doria è solo una tappa lungo il viaggio che durante le vacanze estive lo porta dalla moglie e la figlia a Nizza. Una tappa che però diventa piacevole abitudine e si ripete ogni estate. Negli anni più delicati della sua giovinezza, si abbandona a lui e pur di non deluderlo è disposta non solo ad assecondare ogni sua fantasia, ma anche a imparare nuove pratiche, facendo esperienze con i compagni durante gli interminabili mesi scolastici. Durante i loro fugaci incontri, il Professore si dedica totalmente a lei con il chiaro intento di iniziarla alla ricerca di se stessa e del piacere. Dopo una lunga separazione, ad aspettarlo però non troverà Doria, ma un plico di lettere in cui racconta di se stessa, di loro e di un segreto che non ha mai avuto il coraggio di confidargli.
Le stanze dei giochi probiti.jpg
Le stanze dei giochi proibiti
di Lisa Emme

A Vanni Ossarg, brillante giornalista, viene recapitato un baule nel quale egli ritrova le sue radici, alcuni tasselli che gli consentono di ricomporre il quadro della sua famiglia d'origine. Le lettere dei suoi genitori biologici, pur non intaccando l'amore che ha sempre nutrito per quelli adottivi, aprono nuovi scenari che mai avrebbe immaginato perché delineano i lineamenti psicologici e sociali di chi lo ha partorito ma gli consegnano anche la certezza che non li avrebbe mai incontrati: non ci sono più. Dall'incontro del tutto casuale con Lisa, dal presente non meno torbido del passato, nasce una relazione a tinte forti che lo aiuta a stemperare il peso di ricordi che lo tormentano, acuiti dalle rivelazioni sulle sue origini. Il romanzo si snoda su un percorso a ritroso nel tempo per meglio delineare i personaggi e capire le motivazioni delle loro scelte. Fondato su un'approfondita analisi introspettiva, "Il baule" disserta su temi scottanti come il traffico di opere d'arte di provenienza illegale, abbracciando un arco temporale di diversi decenni.
Il baule.jpg
Il baule
di Mario Grasso

A Vanni Ossarg, brillante giornalista, viene recapitato un baule nel quale egli ritrova le sue radici, alcuni tasselli che gli consentono di ricomporre il quadro della sua famiglia d'origine. Le lettere dei suoi genitori biologici, pur non intaccando l'amore che ha sempre nutrito per quelli adottivi, aprono nuovi scenari che mai avrebbe immaginato perché delineano i lineamenti psicologici e sociali di chi lo ha partorito ma gli consegnano anche la certezza che non li avrebbe mai incontrati: non ci sono più. Dall'incontro del tutto casuale con Lisa, dal presente non meno torbido del passato, nasce una relazione a tinte forti che lo aiuta a stemperare il peso di ricordi che lo tormentano, acuiti dalle rivelazioni sulle sue origini. Il romanzo si snoda su un percorso a ritroso nel tempo per meglio delineare i personaggi e capire le motivazioni delle loro scelte. Fondato su un'approfondita analisi introspettiva, "Il baule" disserta su temi scottanti come il traffico di opere d'arte di provenienza illegale, abbracciando un arco temporale di diversi decenni.