1/3
Tutta-colpa-di-Grindr-Fronte.jpg
Tutta colpa di Grindr
di Lapo Baicchi Laganà
 

Lapo non crede più nell’amore e per questo sta per eliminare tutte le app d’incontri. Prima di farlo, però, apre Grindr e si ritrova davanti la foto di un ragazzo. Gli piace e decide di contattarlo. Mai si sarebbe aspettato che quello sarebbe stato l’inizio di una grande storia d’amore.

Il-solo-posto-al-mondo-Fronte.jpg
Il solo posto al mondo
di Giacomo Assennato

Gabriele ha scelto di essere invisibile, di chiudersi al mondo e di dedicarsi solo allo studio, e gli riesce davvero bene. Non vuole mostrarsi agli altri per quello che è e ha preferito abbracciare la solitudine. Cristian è diverso. La sua famiglia lo appoggia in tutte le scelte e si sente libero di vivere come vuole. Con la sua intraprendenza scioglie il nodo che impedisce a Gabriele di essere se stesso, allontanando la sua malinconia di fondo. Tra i due nasce un’intensa storia d’amore, ma eventi inaspettati si frappongono ai loro progetti e desideri. Gabriele e Cristian si amano, ma devono fare i conti con la vita, che accade e basta, senza chiedere il permesso.
Farti-crescere-la-barba-non-farà-di-te-un-uomo-FRONTE.jpg
Farti crescere la barba non farà di te un uomo
di ACquolina

"Farti crescere la barba non farà di te un uomo" è una storia sospesa fra sogno e realtà. Uno spunto per affrontare il dibattito sugli stereotipi di genere, fisici e sociali presenti all’interno anche della stessa comunità LBGTQ+. Andrea, il protagonista, seduto in una panchina al parco, compirà un viaggio introspettivo che lo porterà a porsi molte domande... Una narrazione poetica, una carezza, per cominciare a riflettere e mettere su le basi per una sana consapevolezza di noi stessi.
Copertina.Il karma mi odia.jpg
Il karma mi odia
di Valentina Lattanzio

Se Bianca fosse stata Eva e fosse vissuta nell'Eden, col cavolo che si sarebbe fatta tentare da un'insulsa mela offerta da un promiscuo serpente. Lei! Indefessa sostenitrice della più morigerata monogamia e abile smascheratrice di miserabili fidanzate fedifraghe delle sue migliori amiche? Giammai! Se però quella mela assumesse le sembianze di Agata – avvenente agente immobiliare con cui Bianca e la sua fidanzata stanno trattando per l'acquisto del loro futuro nido d'amore – la nostra eroina resisterebbe alle tentazioni o si tramuterebbe in ciò che lei stessa ha sempre condannato? Quello che Bianca ignora, è che dietro un apparentemente disinteressato e serrato corteggiamento, si cela una fitta rete di menzogne e tranelli, architettati dalla persona che più la odia al mondo e che come il più paziente dei ragni sta tessendo meticolosamente la tela con la quale è pronta a tenderle il suo agguato. "Il karma mi odia" è una corsa sfrenata fra bugie e verità, amori mozzafiato e rancori mai sopiti in cui chi è vittima si trasforma in carnefice. E viceversa.
Ma perché non te ne vai_
Ma perché non te ne vai?
di Christian Coduto

Italia, 2015. Sebastiano, 19 anni, si è appena diplomato al Liceo Scientifico Umberto Saba. Dopo aver comunicato ai suoi genitori la volontà di vivere per un anno all’estero prima di iscriversi all’università, si mette in cerca di un piccolo lavoro estivo per mettere da parte un gruzzoletto. Una serie di fortunate coincidenze lo portano a conoscere Francesco, un vecchietto di 79 anni che vive solo, a cui dovrà fare compagnia. Due mondi distanti e diversi: un ragazzino che si sta affacciando alla vita, perennemente in lotta con l’universo e un uomo piuttosto burbero, indurito dalle difficoltà e dagli eventi della sua esistenza, possono avere dei punti in comune e diventare buoni amici?
Maregrigio-Fronte.jpg
Maregrigio
di Vincenzo Restivo

Il 15 giugno, a Dragona, tutti aspettano il miracolo della Madonna sull’acqua. La statua della Vergine viene posta su una barca e quella notte attraversa il mare per alcuni metri. Tra le facce di chi assiste allo scenario con trepidazione, c’è Ezio Cantone, che ha sedici anni ed è omosessuale, innamorato di Francesco Ciano, un coetaneo che però cova un’omofobia troppo violenta. C’è Teresa Miele, una non definizione, una ragazza in lotta perenne con le imposizioni di genere, sofferente in quel suo corpo grasso di donna, più volte abusata da suo padre e costretta, da questo, a prostituirsi. Ci sono anche Stefano e Diego, due ragazzini che cercano riparo dalla realtà troppo marcia nei loro giochi improvvisati e perversi. E Marisa, una donna gracile, che riesce a trovare sollievo a una vita troppo claustrale dalla relazione segreta con Pasquale Scano, un adolescente, amico dei suoi tre figli. Un mare grigio, infermo, infetto, fa da cornice a questa storia che è un intreccio di vite alla deriva, sfiduciate, disilluse. Dove non c’è salvezza, né speranza, neanche quella in un prodigio.
Senza-velo-Fronte.jpg
Senza velo
di Virginia Saccalupi

Anni Settanta. Mentre nel convento le ore si susseguono lente e disciplinate, fuori infuriano le manifestazioni di piazza e le battaglie per i diritti delle donne. Le vite di Veronica, bambina già adulta e femminista in erba, di Isabella, suora mancata e innamorata della sua ex insegnante, e di Agnese, monaca che si “sconsacra” preferendo amare una donna alla luce del sole, si intrecciano nel dipanarsi di detto e non detto, paura e coraggio, lotte e silenzi. Intorno a loro, le mura della scuola racchiudono timori e sogni d'infanzia, preghiere mattutine, presunti miracoli e tanti soprusi che, in quegli anni, ancora non venivano chiamati per nome. L'amore, intanto, giovanissimo o carico di anni, si rivela nelle ore del presente o ritorna malinconicamente al passato. Altre volte, invece, si mette il velo e corre a rintanarsi come polvere sotto al tappeto. Ma quando l'amaro conformarsi resta chiuso in bocca, la vita fuori, quella di tutti, innalza mura ancora più alte.
Copertina.Il sole e la luna insieme.jpg
Il sole e la luna insieme
di Rossella Adelini

Venezia, 1937. Greta Biasin è una giovane soprano dall’animo tormentato. Figlia del più famoso psichiatra della Laguna, vive la sua vita all’ombra soffocante del padre. Sarà la storia con la pittrice Anna a donare alla ragazza l’amore di cui ha bisogno, mostrandole così una vita diversa e serena, in cui poter realizzare davvero se stessa e il suo canto. La felicità, tuttavia, vacilla e si strappa quando la madre della cantante scompare improvvisamente, lasciando Greta nel limbo dell’incertezza e del sospetto: di chi potrà fidarsi, adesso? Riuscirà a proteggere la donna che ama?
Tutti-i-Colori-del-Domani-Fronte.jpg
Tutti i colori del domani
di Paolo Costa

A pochi mesi dalla fine della sua storia più importante, Alberto si rinchiude in una bolla di silenzio, schiacciato dai ricordi. Trascorre le giornate muovendosi in punta di piedi, costantemente in allerta e in attesa del prossimo attacco di panico che potrebbe consumarlo. Saranno gli amici di una vita, la sorella da cui non si è mai separato nonostante le avversità e l’incontro inatteso con un affascinante e misterioso ragazzo a spingere Alberto a ricominciare e vivere davvero il domani in tutti i suoi colori. Sullo sfondo di una Palermo ricca di storia e di suggestioni inizia il percorso di consapevolezza di un ragazzo che cerca di rimettersi in piedi, di affrontare le proprie paure e migliorare con la sola forza insuperabile dell’amor proprio.
Spalla-a-spalla-Fronte.jpg
Spalla @ spalla
di Christian Coduto

Italia, 2002. Carlo e Luana condividono un appartamento nella città in cui vivono. Carlo è omosessuale. Luana è lesbica. Lui è imbranato e chiacchierone. Lei è precisino e seriosa. Spesso litigano, ma si vogliono bene. La loro vita scorrerebbe liscia, se non fossero circondati da una folla di parenti, amici e colleghi di lavoro che sembrano intenzionati a frantumare i loro equilibri. C'è Tania che fa una corte spietata a Carlo e, per ingelosirlo, esce con Emilio. Zia Francesca, invece, si presenta in casa loro solo per rompere le scatole. La piccola Silvietta, come tutte le bimbe, è vivace e un po' insopportabile. Angelina, Christina, Geena, Hilary e Tori, le personalità multiple di Luana, anziché darle una mano, la riempiono di dubbi... Riusciranno a sopravvivere?
Cieli  scarlatti.jpg
Cieli scarlatti
di Sonia Cardini

Italia, 2002. Carlo e Luana condividono un appartamento nella città in cui vivono. Carlo è omosessuale. Luana è lesbica. Lui è imbranato e chiacchierone. Lei è precisino e seriosa. Spesso litigano, ma si vogliono bene. La loro vita scorrerebbe liscia, se non fossero circondati da una folla di parenti, amici e colleghi di lavoro che sembrano intenzionati a frantumare i loro equilibri. C'è Tania che fa una corte spietata a Carlo e, per ingelosirlo, esce con Emilio. Zia Francesca, invece, si presenta in casa loro solo per rompere le scatole. La piccola Silvietta, come tutte le bimbe, è vivace e un po' insopportabile. Angelina, Christina, Geena, Hilary e Tori, le personalità multiple di Luana, anziché darle una mano, la riempiono di dubbi... Riusciranno a sopravvivere?
la santa piccola.jpg
La santa piccola
di Vincenzo Restivo

Mario, Lino e Assia. Diciassette anni. Tre realtà all’interno dello stesso stabile: una palazzina popolare di Forcella dove le case vecchie hanno l’odore del metano a causa delle tubature usurate e dove l’omertà e la superstizione hanno più valore delle buone azioni. Per le precarie condizioni economiche, Lino e Mario sono costretti a prostituirsi. Un’adolescenza contagiata da un mondo di adulti fin troppo sporco, carnece della loro innocenza. La violenza diventa, allora, l’unica alternativa di sopravvivenza. E in tutta questa violenza, violento diventa anche l’amore, perché non ricambiato. Poi c’è Annaluce, nove anni, che tutti chiamano La Santa piccola perché a un certo punto dice di avere le stimmate e di vedere la madonna. Forcella diventa così teatro di un prodigio, invasa da una folla di fedeli in attesa di un miracolo. E anche Mario, Lino e Assia chiedono il loro miracolo, la loro richiesta d’aiuto, il loro bisogno d’amore in un mondo che li vede fin troppo randagi.
Amore-e-pregiudizio-Fronte.jpg
Amore e pregiudizio
di Marco Cacciato Insilla
"Amore e pregiudizio" è uno studio sul ruolo della letteratura e sugli effetti della lettura nella formazione del pensiero dei giovani, per contrastare l'omofobia a scuola ed educare ad amare i diritti umani. Non è una rassegna asettica di teorie ma un'operazione di applicazione di elementi di teoria della letteratura a questioni che riguardano l'omosessualità. Durante la sua carriera Marco Cacciato Insilla ha incontrato e intervistato l'astrofisica Margherita Hack, lo scrittore Aldo Busi, Giovanni e Paola Dall'Orto, il professor Francesco Gnerre e tanti altri. Molti, quindi, i contributi inediti sul tema della funzione della letteratura nella formazione del pensiero e nel contrasto dell'omofobia.
gayo.jpg
Ga(y)o
di Paolo Ciufici

Gaio è un uomo, un uomo che ama un altro uomo. L'amore di Gaio per Tom evolve con la consapevolezza reciproca di voler stare accanto a una persona dello stesso sesso e di costruire insieme una storia di vita. Non importa cosa pensino gli altri. Gaio prende coscienza, sin da bambino, di desiderare il principe azzurro, piuttosto che la principessa rosa, e trova nella madre Rachele la tutela di quella normalità di vita che suo padre, suo fratello, il maestro di scuola, il servizio di leva disprezzano e gli rimproverano, senza pietà, senza tatto. L'incontro con Tom è rosa, da romanzo rosa. Il caso innesca la scintilla a una festa e i due si ritrovano a parlare, a guardarsi negli occhi, a volersi conoscere e andare oltre le chiacchiere formali, come ogni altro incontro tra un uomo e una donna. Una storia d'amore divampa e arde, con gli alti e bassi della quotidianità: piaceri sentimentali, piaceri carnali, dispiaceri sentimentali, dispiaceri carnali. Così come una storia di onestà affettiva e di condivisione. Allora dalla paura e dal dubbio nasceranno coraggio e speranza ogni volta che la vita donerà o toglierà qualcosa e qualcuno. L'amore resta amore, così la vita resterà vita.
 
9788885459557 - Dormono gli aironi.jpg
Dormono gli aironi
di Micol Mian

Blue odia il proprio nome di battesimo, intrattiene fin dall’adolescenza una relazione clandestina con Massimo, l’affascinante collega di suo padre, e ritiene Nico il suo unico rimpianto. Nico tende a mettersi nei guai, colleziona rapporti problematici e non si è mai veramente ripreso dalla rottura della sua storia con Blue. Sotto il cielo di una magica Torino, le strade di questi due ragazzi tornano a incrociarsi e sentimenti che si credevano perduti si riscoprono vivi, come braci ancora calde sotto le ceneri. Ma amare vuol dire avere il coraggio di guardare il passato affrontandone i demoni, essere onesti riguardo le proprie emozioni e questo, sia per Blue che per Nico, fa male. Saranno pronti, stavolta, a scegliere la felicità?
Il tempo degli amaranti.jpg
Il tempo degli amaranti
di Micol Mian

Alberto e Silvana crescono a Napoli negli anni 50, vicini di casa e legati a doppio filo nella vita e nell'affetto, con la benedizione delle famiglie, fino all'inevitabile matrimonio e alla nascita di due bambini. Ma l'inquietudine di Alberto nasce da un pensiero segreto, che esplode nella maturità e prende vita nel momento della morte dell'amata (e castrante) madre: Alberto è attratto dagli uomini. Dopo avere vissuto per anni una doppia vita esaltante e tormentata nello stesso tempo, Alberto decide di scrivere una lettera a Silvana, confessandole la propria omosessualità ed il desiderio di fuga, per non sprecare ancora gli anni che restano. Sarà lo stesso Alberto a presentare alla moglie l'uomo che ne prenderà il posto nella casa e nel cuore. Gli anni di auto-esilio termineranno quando Alberto, a causa di un grave incidente, sarà operato e salvato proprio dal figlio, nel frattempo divenuto stimato chirurgo, e che darà il via alla riconciliazione con la famiglia intera, a dimostrare la possibilità di un'altra idea di nucleo familiare, meno tradizionale. L'amaranto, nella tradizione greca, è l'unico fiore a non appassire mai.
Il mio mal di testa.jpg
Il mio mal di testa
di Diana Errico

Sara soffre di mal di testa da quando è nata. Un dolore con il quale fa i conti ogni giorno della propria vita, che le assorbe le energie e filtra ogni suo contatto sociale. Con un padre violento e una madre evanescente, trova conforto per i dolori del suo corpo e quelli della sua anima in Floriana, una seducente donna legata a doppio filo alla sua famiglia: con lei scopre la passione e quella gioia di vivere che le era sempre mancata. Quando la sorte mette le due donne davanti a un bivio, Sara è costretta a rivedere le sue priorità. E a cominciare ad amarsi, a prescindere dall'abbraccio di Floriana.
Sirene-Nuovo-Fronte.jpg
Sirene
di Simona Lazzaro

Eva è una donna attraente e bramosa. Lavora presso un importante studio di avvocati e non esita ad usare la sua avvenenza per fare carriera. Ha avuto appuntamenti ed amanti, ma nessuna storia d’amore. È una ragazza sola, ma non sembra crucciarsene. Appare come un’intoccabile signora di ghiaccio dalla capigliatura di fuoco e dallo sguardo tagliente. Vista la sua reputazione, le altre donne la guardano con sospetto, mentre gli uomini, per il suo aspetto e il linguaggio disinibito, la desiderano ardentemente. Susanna è una studentessa universitaria. Goffa e distratta, un po’ solitaria, persa fra formule di matematica e brutti ricordi, non sa ancora cosa chiedere alla sua vita. Si nasconde dentro vestiti troppo larghi e grossi occhiali, isolandosi per proteggersi dal mondo.Eva e Susanna s’incontreranno per caso, spinte l’una verso l’altra dalla casualità o forse dal destino. Nelle loro differenze, contraddizioni e somiglianze non potranno fare altro che incontrarsi e guarirsi. In bilico tra dubbi e passione, tra paure e voglia di amare, alla ricerca di una stabilità emotiva e sociale che il loro rapporto non può garantire, impareranno ad accettare ciò che sono.
Come-un-fior-di-fragola-ad-agosto-Fronte.jpg
Come un fior di fragola ad agosto
di Emilia Galeone

Edoardo ha diciassette anni quando vede per la prima volta Luigi. Ha molte paure, ma si affida a lui per affrontarle. In un rapporto che non sa definire, fatto di lunghe assenze e domande senza risposte, Edoardo riesce però a prendere consapevolezza di sé. Luigi, infatti, è uno spirito libero con un bagaglio di esperienze molto più ampio. Odia la monotonia e non si preoccupa di sperperare i soldi dei genitori. Tutto tranne che una persona affidabile, quindi. Eppure Edoardo lo vede come un esempio da imitare e dal quale cercare le risposte alle domande che gli frullano per la testa. Una storia che parla di prime volte, che si affaccia alla realtà lgbt+.
Mani di mandarino 1.jpg
Mani di mandarino
di Marco Antonio D'Aiutolo

Nella Catania fascista degli anni '30, Gabriele inizia a confrontarsi con gli altri ragazzi e a mettere in discussione quell'identità da maschio siciliano che il mondo vorrebbe imporgli. La sua lotta interiore ha origine dalla scoperta di una sessualità diversa, da una segreta attrazione per i "masculi" e da un amore taciuto, nato tra i banchi del liceo. Solo quando conoscerà Calogero, nella sua coscienza ci sarà una svolta reale. Sullo sfondo, intanto, scorre una molteplicità di storie: gli incontri clandestini degli arrusi, pederasta passivi, a piazza Alcalà, le amicizie e gli amori proibiti, gli scandali famigliari e la condizione delle "fimmine". Quando la grande Storia irromperà nelle giornate di Gabriele, inasprendo le leggi contro gli arrusi, quei masculi che sembravano così forti si mostreranno impotenti. Sarà la forza delle "fimmine" sicule a determinare, nel bene e nel male, il destino di tutti.
Che dio me la mandi bona.jpg
Che Dio me la mandi bona
di Valentina Lattanzio

Prendete un mixer. Immergeteci dentro un'ipocondriaca commessa di un sexy shop, la cui unica relazione sentimentale degna di nota che possa vantare da un anno è la convivenza coi suoi due adorati felini; una disastrosa e caotica precaria nel lavoro - nonché nella vita in generale - estimatrice di alcool e sigarette, e con una storia d'amore scandita da litigi furiosi e attacchi d'ira funesta; una tenerissima catechista-psicologa-insegnante di cucina per persone della terza età, con una passione sfrenata per la camomilla e le cinquantenni tenebrose; infine, una scalmanata latin lover con tanto di cresta bionda e occhioni blu oltremare, la battuta sempre pronta e una lacrimosa scia di cuori infranti dietro ai suoi passi. Caratteristica comune? Sono tutte irrimediabilmente, inguaribilmente e tragicomicamente attratte dal gentil sesso! Ora premete il bottone, e frullate energicamente il tutto. Fatto? E allora ecco pronto il vostro romanzo: la fusione di quattro forze della natura unite in un'amicizia che va al di sopra di ogni confine dove, fra tante risate e anche qualche lacrima, le nostre eroine troveranno inevitabilmente l'amore, o ci inciamperanno per sbaglio. Ma l'amore con la A maiuscola esiste davvero? E soprattutto, l'amicizia sarà veramente in grado di resistere sopra ogni cosa?
Puoi sentire la notte_.jpg
Puoi sentire la notte?
di Paolo Costa

A Vanni Ossarg, brillante giornalista, viene recapitato un baule nel quale egli ritrova le sue radici, alcuni tasselli che gli consentono di ricomporre il quadro della sua famiglia d'origine. Le lettere dei suoi genitori biologici, pur non intaccando l'amore che ha sempre nutrito per quelli adottivi, aprono nuovi scenari che mai avrebbe immaginato perché delineano i lineamenti psicologici e sociali di chi lo ha partorito ma gli consegnano anche la certezza che non li avrebbe mai incontrati: non ci sono più. Dall'incontro del tutto casuale con Lisa, dal presente non meno torbido del passato, nasce una relazione a tinte forti che lo aiuta a stemperare il peso di ricordi che lo tormentano, acuiti dalle rivelazioni sulle sue origini. Il romanzo si snoda su un percorso a ritroso nel tempo per meglio delineare i personaggi e capire le motivazioni delle loro scelte. Fondato su un'approfondita analisi introspettiva, "Il baule" disserta su temi scottanti come il traffico di opere d'arte di provenienza illegale, abbracciando un arco temporale di diversi decenni.
Donne maledette.jpg
Donne maledette
di Mariagrazia De Castro

"Donne Maledette" è una storia ambientata in una Parigi a cavallo tra la prima e la seconda guerra mondiale, nel contesto sociale e familiare piccolo borghese, il cui peggior vizio è l'ipocrisia. Protagoniste sono le donne. Due sorelle sventurate e sensibili, circondate da altre donne: una nonna anaffettiva, una suocera invadente e una pletora di nevrotiche ossessionate dall'apparenza. Le figure maschili fanno da sfondo e, proprio per questo, risultano marginali e indefinite. La verità che si mostra agli occhi della sorella minore è mistificata, ma l'autoinganno forse è una delle forme più insidiose di manipolazione della verità e dei fatti. Sorprendentemente (ma non troppo) nel finale sarà un'altra donna a dare forma a una nuova verità, diversa da quella di facciata e proprio per questo inaspettata.
L'amore e altri guai.jpg
L'amore e altri guai
di Prisca Turazzi

Quando Filippo chiede all'amico Francesco di spiegargli cosa si prova ad essere gay, è difficile per lui capire se la sua sia una semplice curiosità o stia diventando un intenso coinvolgimento.Il loro legame degenera fino al punto in cui Filippo sparisce, forse per sempre, o almeno così crede Francesco che, tornando a Milano, si ritrova l'amico come coinquilino.Francesco e Filippo diventano, così, complici di un tango in cui si incontreranno e si scontreranno, sullo sfondo di una poliedrica Milano, che racchiude al contempo realtà gay friendly e omofobe.Un cast formato da poche personalità uniche e fortemente delineate cercherà di guidarli in questo difficile percorso: dallo psicoterapeuta Michele, al cugino sordomuto Raffaele, all’eccentrica amica Elisabetta.Un racconto fresco che racchiude un caleidoscopio di emozioni e immagini, vissuto dai protagonisti in viaggio alla scoperta di se stessi.